A2 F - La Mikah Savona lotta e fa buon gioco ma alla fine cede a Selargius

di Redazione Pianetabasket.com
articolo letto 173 volte
Foto

Non basta una buona prestazione alla Mikah Savona che, dopo aver condotto per 2 quarti e mezzo, deve lasciare la vittoria alle padrone di casa del Selargius.
Le savonesi, orfane dei due allenatori causa la giornata di squalifica rimediata nel precedente incontro e nonostante la settimana in emergenza causa influenza, partono forte con una bomba di Zolfanelli e per tutta la prima frazione ribattono colpo su colpo alle isolane.
A 1’24” dal termine con un canestro di Svetlokova il primo vantaggio delle liguri ma il quarto si chiude sul 21-18 per le padrone di casa.
Nella seconda frazione sono ancora le savonesi ad aprire le danze che, con Svetlikova e Sansalone piazzano uno 0-6 che le porta a 8’03” dal termine del periodo sul 21-24.
Le sarde non mollano e cercano di rimanere attaccate alle biancoverdi che macinano buon gioco e difensivamente riescono a contenere le incursioni delle avversarie.
A 1’54” dal termine, con un canestro ancora di Svetlikova, le savonesi raggiungono il primo massimo vantaggio sul 28-38.
Le padrone di casa però cercano di ricucire e, con un canestro di Brunetti prima e 4/4 ai liberi di Arioli e Lussu riescono a chiudere sul 34-38 con cui si va all’intervallo lungo.
Al rientro dagli spogliatoi sono ancora le ragazze della presidentessa Oggero a mettere a segno i primi punti, questa volta con Penz.
Segue un batti e ribatti tra le due formazioni con le savonesi che appaiono però più lucide e padrone del campo.
Le sarde continuano però a combattere e riescono a mettere a segno a 6” dalla fine della frazione una tripla con Arioli che psicologicamente  spezza un po’ le gambe alle biancoverdi.
Il quarto si chiude sul 54-59.
L’ultimo periodo è ancora un batti e ribatti tra le due squadre, con le ospiti che trovano ancora un allungo con Guilavogui e Sansalone per il 56-63 a 8’49” dal termine dell’incontro.
Poco dopo, per 5 falli commessi, è costretta ad uscire dal campo la capitana savonese Penz e la squadra accusa il colpo: le liguri subiscono un parziale di 11-0 da parte delle avversarie che vanno a segno col trio Brunetti- Arioli-Lussu per il 67-63.
Le savonesi appaiono frastornate, vanno a segno con 2 liberi di Zolfanelli ai quali rispondono però le padrone di casa con un nuovo break di 11-3 (78-66) che decreta definitivamente chiusa la gara.
C’è ancora spazio per un canestro da entrambe le parti e la partita si chiude sul risultato finale fin troppo severo di 80-68 e con tanto rammarico da parte delle liguri che si sarebbero sicuramente meritate la vittoria visto il gioco espresso in campo.
Con squadre esperte e compatte come la formazione di Selargius non ci si può però permettere nemmeno un secondo di distrazione e questo deve servire da lezione per le prossime gare che le savonesi dovranno affrontare, a partire dalla prossima gara ancora in terra sarda di sabato prossimo contro la formazione del Cus Cagliari, corsara a sorpresa a Palermo nell’ultima gara giocata.
Nel fondo classifica nulla è comunque cambiato avendo perso tutte le formazioni dall’undicesimo al sedicesimo posto ma le biancoverdi devono a tutti i costi smuovere la classifica per agguantare le dirette avversarie in chiave salvezza.
 
SAN SALVATORE SELARGIUS – MIKAH SAVONA: 80-68 (21-18, 34-38, 54-59)
SAN SALVATORE SELARGIUS: Brunetti 20, Arioli 18, Cicic 12, Lussu 11, Gagliano 11, Manfrè 4, Pinna 4, Salvemme, Pandori, Demetrio Blecic n.e., Uda n.e., Stoichkova n.e. All. Staico, ass. Asunis
 
MIKAH SAVONA: Svetlikova 18, Penz 14, Zolfanelli 13, Sansalone 12, Guilavogui 9, Azzellini 2, Vitari, Tosi, Pregliasco, Ceccardi n.e..


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy