SEZIONI NOTIZIE

LBA - Carlo Recalcati ricorda il primo scudetto Fortitudo Bologna

di Redazione Pianetabasket.com
Vedi letture
Foto

Oggi ricorre il ventennale del primo scudetto della Fortitudo Bologna. Ne era alla guida coach Charlie Recalcati, che è stato intervistato da Damiano Montanari sul Corriere dello Sport per rievolcare quella pagina felice della Effe. Ecco le sue parole.

La serie contro Treviso. Alla squadra avevo parlato di aspetti diversi dalla tecnica solo dopo la sconfitta in gara 1 a Bologna (72-79). Non avevo vissuto l’amarezza delle finali perse gli anni precedenti; anzi ero arrivato da Varese, dove la stagione prima avevo conquistato io scudetto. Quella Foititudo era la squadra più forte che avessi mai allenato. Vale ancora oggi. Prima della serie di finale ero veramente fiducioso. Avevamo dominato il campionato perdendo solo tre partite e non contemplavo la possibilità di una sconfitta. Il kappaò al PalaDozza fu accolto male dal pubblico. Risalendo dagli spogliatoi, vidi che un quarto dell’impianto era ancora pieno di tifosi disperati; parlavano di una maledizione, dicevano che sarebbe finita come gli anni precedenti. Io cercai di rincuorarli, ma ammetto che qualche dubbio lo fecero venire anche a me. Con l’infortunio a Karnisovas, la nostra ala piccola titolare, dovevamo trovare una nuova struttura di squadra. In gara 1 provai un quintetto piccolo con Basile, Myers, Jaric e Pilutti assieme. Da gara 2 mi affidai ai tre lunghi Vrankovic, Fucka e Galanda, affiancati da due guardie. Vincemmo e da allora non ho più avuto dubbi sul nostro successo finale.

Myers. Il leader di quella squadra era chiaramente Carlton Myers. Mi fu di grande aiuto per tutta la stagione, dimostrando di essere un capitano vero e cercando di rasserenare Marko Jaric nei momenti in cui manifestò qualche difficoltà caratteriale. Carlton arrivava mezz’ora prima ad allenamento e si fermava dopo per parlare con Marko. Trasmise grande fiducia a tutta la squadra, anche perché ne aveva tanta in Vrankovic. In quella stagione Myers giocò spesso venti minuti, prendendosi solo quattro o cinque tiri a gara. Un giorno mi confidò che non aveva bisogno di osare di più perché si fidava dei suoi compagni e di Vrankovic, che dava grande affidabilità sia in difesa, sia in attacco.

Meo Sacchetti, ma anche Antimo Martino. Prima voglio spendere due parole su Antimo Martino, di cui sono un grande estimatore. Ha fatto un ottimo lavoro e sarei stato contento che avesse proseguito il suo percorso alla Effe. Poi ci sono dinamiche societarie che non conosco e in cui non entro. Premesso questo, Sacchetti è un allenatore che non si discute. Ha esperienza, ha portato Cremona a giocare a livelli altissimi e a Sassari ha realizzato uno storico triplete, aggiudicandosi lo scudetto, la Coppa Italia e la Supercoppa nel 2015. Evidentemente la Fortitudo ha ambizioni e pensa di salire nella gerarchia di Serie A nei prossimi anni.

Fortitudo & progetto Club Italia. Non credo sia realizzabile. Non ci credevo per Cremona e non ci credo ora, perché non c’è stato il cambiamento di rotta necessario a livello generale. Penso che la Fortitudo che nascerà sarà la fusione di giocatori stranieri e italiani.

Frizioni Sacchetti-Aradori. Penso che tra persone intelligenti come sono Sacchetti e Aradori si troverà un accordo. Quando ero un giocatore, provai in prima persona l’amarezza dell’esclusione dalla Nazionale del CT Giancarlo Primo due giorni prima delle Olimpiadi del 1972. Poi, però, tomai in azzurro per disputare gli Europei del 1975 e le Olimpiadi del 1976. Lo stesso mi accadde come allenatore. Rinunciai a Pozzecco, per poi richiamarlo. Così come io non persi la stima in Primo, così Pozzecco non perse la stima nei miei confronti. Nei rapporti tra giocatori e allenatori ci possono essere momenti del genere. Allo stesso modo, una volta che si rispettano le due posizioni diverse, c’è spesso il tempo per tornare a percorrere la stessa strada.

Altre notizie
Lunedì 13 luglio 2020
19:43 LegaBasket Serie A UFFICIALE LBA - Salvatore Parrillo é un nuovo giocatore di Brescia 19:28 NBA NBA - La "bolla" della NBA costerà oltre $170 milioni! 19:16 LegaBasket Serie A LBA - Termina il rapporto di collaborazione tra Virtus Bologna e Giordano Consolini 19:00 NBA NBA - Russell Westbrook positivo al Coronavirus 18:10 Serie B Serie B - Olimpia Matera: al via il nuovo progetto 2020/21
PUBBLICITÀ
17:35 NBA NBA - Pacers, Brogdon non si è ancora allenato 17:16 Serie C Serie C - Miwa Benevento, da Isernia arriva Orefice 17:14 EuroLeague MERCATO EL - Danilo Barthel lascia il Bayern diretto al Fenerbahce 17:00 Femminile A2 Femminile - Ultimo arrivo in casa Nico Basket, Sofia Frustaci 16:13 EuroLeague UFFICIALE EL - Zenit S. Pietroburgo firma Alex Poythress 16:00 Femminile A2 Femminile - Delser LBS Udine: Ecco Tina Cvijanovic, punti e grinta made in Slovenia 15:00 Femminile A1 Femminile - O.ME.P.S. Givova Battipaglia, firmata Amber Melgoza 14:50 LegaBasket Serie A LBA - Nicola Akele a #LBAMercato: 'Voglio continuare a crescere e riconfermarmi in LBA' 14:43 Serie B Serie B - Tourè e Punto Edile Omnia ancora insieme 14:33 LegaBasket Serie A UFFICIALE LBA - Zach LeDay firma un biennale con l'Olimpia Milano 14:24 LegaBasket Serie A MERCATO LBA - In giornata Tyler Cain scioglierà le riserve 14:17 Serie A2 A2 - Inizia una nuova era per la Reale Mutua Torino 14:06 Serie A2 A2 - Smentita la divisione dei gironi in Nord e Sud per la prossima A2 13:55 Serie A2 UFFICIALE A2 - Colpo grosso di Chieti, firmato Pendarvis Williams 13:49 LegaBasket Serie A MERCATO LBA - Milano paga il buyout di 150k per liberare LeDay