Serie C - Basket Corato stecca anche ad Altamura

di Redazione Pianetabasket.com
articolo letto 166 volte
Foto

Sesta sconfitta stagionale per l’A.S. Basket Corato, seconda consecutiva in trasferta, terza nelle ultime quattro uscite, che cede ad Altamura per 69-63. Certamente la trasferta non era delle più semplici e certamente la fortuna non è stata nostra alleata, ma la squadra di coach Verile ha molto da rimproverarsi. L’approccio soft al match (13-0 nei primi 5′), la scarsa lucidità nei tiri liberi (62% di realizzazione contro l’84% altamurano) è una non ottimale gestione del match nel momento clou, hanno portato l’A.S. Basket a non riuscire ad avere la meglio sugli avversari.

Pronti via e i neroverdi sono sotto 5-0 grazie a cinque punti del play Radovic (migliore in campo) dopo nemmeno un giro di lancette. La reazione degli ospiti è pressoché nulla e Altamura ne approfitta mettendo a referto con Vukovic, Biagini e ancora Radovic l’impressionante 13-0 di parziale dopo 5′. Corato è un pugile suonato all’angolo, mai era partita così male. Ma come i grandi pugili ha una reazione d’orgoglio con Bagdonavicius (19 pti) e Castoro e resta aggrappata al match. Sotto le plance Corato soffre molto la fisicità di Biagini e Barozzi (solo 33 i rimbalzi raccolti dai neroverdi contro i 46 di Altamura) e le seconde palle sono tutte dei biancorossi che allungano ancora fino al 19-11 di fine primo quarto.

Secondo periodo equilibrato nelle prime battute: 3 liberi realizzati di Bagdonavicius e la tripla di Radovic (19 pti) portano il punteggio sul 23-14 al 12′. Qui inizia la partita di Luca Sgrò (15 pti, il migliore tra i neroverdi) che suona la carica realizzando in lay-up dopo una palla recuperata. Castoro e ancora Benas firmano il miglior parziale dei viaggianti (0-8) portando la partita sul 23-21. Luca Sgrò con una tripla dagli 8 metri firma il -1, ancora Sgrò risponde a Loperfido: al 18′ è 29-28. La partita è bella, nonostante le due difese (le migliori del torneo) abbiano la meglio sui due attacchi. Stella a 30′ dalla fine firma il nuovo -1, Vukovic praticamente sulla sirena (ormai una costante) allunga fino al 33-30 di fine primo tempo.

Corato esce meglio dagli spogliatoi e la coppia Bagdonavicius Castoro (15 pti) firma il primo vantaggio neroverde (33-35 al 21′). Ora è Corato ad avere il muso avanti ma il match si trascina punto a punto, senza che gli uomini di Verile riescano a firmare lo strappo decisivo, così un ispirato De Bartolo (5 pti e tanta sostanza) griffa il nuovo vantaggio altamurano con una tripla (41-39 al 28′). Corato non ci sta e prima un libero a testa di Stella e Castoro, poi una tripla pazzesca di Sgrò firmano il nuovo +2 (45-47) a 60 secondi dal termine. Finita, no, perché a 1” dalla fine succede (di nuovo) l’imponderabile: Vignola con un gancio da centrocampo (!) effettua il controsorpasso che ammutolisce i 200 coratini accorsi in terra altamurana.

Questa volta il tiro da PlayStation subito non è letale come contro Ostuni, ci sono ancora 10′ da giocare, ma psicologicamente Corato accusa il colpo. Sulle ali dell’entusiasmo Vignola e Barozzi firmano un 5-0 di parziale in meno di un minuto, come accaduto nel primo quarto, Monacelli e Barozzi allungano fino al +7 (56-49 al 32′). Luca Sgrò però non ci sta e accorcia le distanze, Mauro Stella firma il -2 che riaccende improvvisamente il match (58-56 al 36′). Sul capovolgimento di fronte una delle sliding Doors del match: Bagdonavicius cattura un rimbalzo difensivo, si invola in un meraviglioso coast to coast ma fallisce clamorosamente il comodo lay-up. Nell’azione successiva poi l’imponderabile: uno dei due arbitri chiama il cambio, l’altro arbitro non ferma il gioco e Vukovic (14 pti) riporta sul +4 Altamura. La furia della panchina neroverde costa il tecnico a Corato. Radovic a 90” dalla fine firma il 67-60, ma 10 secondi dopo Castoro la riapre con una meravigliosa tripla. Il tempo per risalire la china ci sarebbe, anche perché Altamura non riesce più ad andare a segno, ma prima Morresi, poi Castoro non riescono a capitalizzare il canestro della speranza. Due liberi di Vukovic suggellano il match sul 69-63.

Merito ad Altamura per la vittoria conquistata, la sesta di fila, che è stata più lucida nei momenti più difficili. Corato ha disputato un’ottima parte centrale del match peccando nelle prime battute e nel concitato finale. La sconfitta consente a Monopoli, vittoriosa a Monteroni di agguantare il secondo posto e le vittorie di Altamura, Ostuni, Castellaneta e Ruvo accorciano pericolosamente la classifica. Domenica in casa contro Taranto bisogna tornare necessariamente a vincere.

 

TABELLINI:

ALTAMURA: Radovic 19, Biagini 4, Vukovic 14, Monacelli 11, De Bartolo 5, Vignola 8, Loperfido 2, Barozzi 6, De Palo, Fui.

CORATO: Morresi 2, Cicivè 4, Amendolagine, Bagdonavicius 19, Stella 8, Sgrò 15, D’Imperio, D’Introno, Cipri, Di Bartolomeo, Castoro 15.

 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy